Best Employer of Choice

La Ricerca

La ricerca Best Employer of Choice traccia annualmente, su un campione rappresentativo composto da 2.500 intervistati, l’identikit del neolaureato italiano, mediante uno studio approfondito circa le opinioni, gli atteggiamenti e le preferenze dei giovani intervistati nei confronti di tre ambiti specifici:
1. il percorso universitario effettuato;
2. il mercato del lavoro;
3. l’approccio alla ricerca di lavoro e le modalità adottate

Dal 2002 il BEoC ha analizzato la percezione del mondo del lavoro da parte dei neolaureati. La serie storica della raccolta dati (25.000 laureati intervistati face to face dal 2013) ha permesso a Cesop HR Consulting Company di creare un osservatorio statistico permanente a supporto della scientificità delle proprie analisi comparative.

Il panel delle aziende – edizione BEoC 2018

Il panel delle aziende è suddiviso per settori di attività. Ciò permette di fornire analisi differenziate per le aziende elencate in ciascun settore.
L’inserimento o la rimozione di aziende dalle singole categorie sono stabiliti in funzione delle performance conseguite e con la collaborazione di un comitato composto da esperti conoscitori del singolo settore.

Le aziende analizzate sono:

Beni di largo consumo – beverage
Barilla, Birra Peroni, Bolton Group, Campari, Coca-Cola HBC Italia, Ferrero, Granarolo, Heineken, L’Oreal, McDonald’s, Nestlè, Procter&Gamble, Unilever.

Consulenza e Revisione
Accenture, Altran, Business Integration Partners, Boston Consulting Group, Deloitte, EY, IBM, Kpmg, McKinsey&Company, NTT DATA, PwC, Reply.

Industriale manifatturiero
Bosch, Ducati Motor, Edison, Enel, Eni, FCA, Ferrari, Ferrovie dello Stato Italiane, Leonardo, Luxottica, NTV, Philip Morris, Pirelli, Salini Impregilo, Siemens, Volkswagen Italia, Whirlpool Indesit.

Media e comunicazione
Fastweb, Gruppo Editoriale l’Espresso, Gruppo Il Sole 24 Ore, Mediaset, Mondadori, RAI, Sky, TIM, Vodafone.

Finanziario Assicurativo
Allianz, AXA, Banca d’Italia, Banca Mediolanum, Borsa Italiana, Che Banca, Deutsche Bank, Gruppo Banco Popolare, Gruppo Generali, Gruppo BNP Paribas Italia, Intesa Sanpaolo, Poste Italiane, UBI Banca, Unicredit Group, Unipol Gruppo.

Grande distribuzione
Autogrill, Coop, Decathlon, Esselunga, Gruppo Carrefour Italia, Ikea, Leroy Merlin, Lidl.

Chimico – farmaceutico – biomedicale
Angelini, Bayer, Bristol-Myers Squibb, GSK, Johnson&Johnson, Merck, Novartis, Pfizer, Roche.

IT
Apple, Google, HP, Intel, Microsoft, Nokia, Oracle, Samsung, SAP.

Luxury & Fashion
Benetton Group, Bulgari, Diesel, Dolce & Gabbana, Geox, Gianni Versace, Giorgio Armani, Gucci, Kering, LVMH, Prada.

Nota metodologica

Nota metodologica

Best Employer of Choice è un’indagine psicografica, un tipo di Survey che ha per finalità la segmentazione della popolazione non solo in termini di caratteristiche sociodemografiche quali l’età, il sesso, il livello d’istruzione, ecc…, ma anche l’analisi di valori che orientano percezioni, atteggiamenti, scelte e comportamenti legati a un determinato fenomeno. In questo tipo d’indagine si tratta dunque di sintetizzare queste caratteristiche della popolazione in modo tale da costruire delle tipologie. Da ciò ne scaturisce una tassonomia che semplifica la variegata realtà dell’universo statistico di riferimento, permettendo la lettura facilitata del rapporto UNIVERSO-FENOMENO.

Le ricerche psicografiche possono essere di natura quantitativa o integrata (cioè con una cospicua fase di studio qualitativo). Nel caso del BEoC l’intervento è stato di natura prettamente quantitativa. Per quantitativo intendiamo l’analisi di un’ampia piattaforma informativa che mediante l’approccio statistico permette l’ordinazione e il posizionamento all’interno di aree di specifica importanza. Questo allo scopo di creare un rapporto valutativo. La piattaforma informativa che l’equipe di ricerca del BEoC ha utilizzato è composta da dati primari. Nelle ricerche socio-statistiche, per dati primari s’intende il reperimento delle informazioni direttamente sul campo, a differenza delle ricerche secondarie (DESK WORK o DESK RESEARCH) che utilizzano dati preesistenti reperiti presso determinate fonti ufficiali.

Le ricerche psicografiche utilizzano il questionario come strumento principe per il rilevamento dati.

Nel 2017 è uscita la “Guida pratica all’employer branding”, per approfondire quanto affrontato sopra e altri temi, tra cui:
• questionario
• campionamento
• somministrazione questionari
• pulizia dati
• analisi bivariata
• analisi multivariata

 

Quali informazioni il Best Employer of Choice può dare alle aziende?

l BEoC consente alle aziende di conoscere tre aspetti della propria immagine.
Il primo è la notorietà. La brand awareness analysis rappresenta il primo importante studio sul brand aziendale e concentra l’attenzione principalmente sulla notorietà, intendendo con ciò sia il grado di conoscenza del marchio che il grado di conoscenza dell’offerta professionale.
Il secondo aspetto è il gradimento dell’immagine istituzionale. La corporate brand analysis è un’analisi finalizzata a conoscere il livello di apprezzamento dell’immagine istituzionale dell’azienda.
Il terzo, infine, il gradimento dell’azienda come luogo di lavoro. L’employer brand analysis costituisce la principale analisi del presente studio ed è finalizzata a conoscere il livello di apprezzamento dell’immagine aziendale come luogo di lavoro.

Questi tre aspetti vengono poi analizzati nel contesto della Piramide della Employer Reputation, con l’obiettivo di fissare traguardi intermedi raggiungibili grazie alla strategia di employer branding.

Infine le aziende possono acquisire preziose informazioni sugli atteggiamenti dei neolaureati, divisi per segmenti di mercato, e sulla percezione di competitor diretti o percepiti.

 

Come riconoscere una buona ricerca

La ricerca BEoC rispetta le 10 regole d’oro per verificare la correttezza di una ricerca quantitativa
1. Disponibilità di una Nota metodologica
2. Utilizzo di fonti istituzionali per la descrizione dell’universo statistico
3. Indicazione chiara della popolazione da cui è stato estratto il campione
4. Reale rappresentatività del campione
5. Qualità del questionario
6. Questionari consultabili per almeno 12 mesi
7. Somministrazione dei questionari face to face
8. Accertamento dell’identità degli intervistati
9. Verifica della non contraddittorietà dei dati
10. Presenza di indici di connessione e/o correlazione

Perchè il Best Employer of Choice è statisticamente attendibile?

Il BEoC è statisticamente attendibile perché il campione è rappresentativo della situazione nazionale; esso infatti ridisegna su 2.500 casi le distribuzioni di tutti i neolaureati italiani per sesso, area geografica e tipologia di laurea, rispettando le proporzioni espresse nei dati ufficiali del Ministero dell’Università e della Ricerca. Il campione, quindi, riproduce un’immagine ridotta ma fedele della popolazione d’origine. L’attendibilità del BEoC è inoltre rafforzata dal fatto di essere effettuato con la somministrazione dei questionari face to face ed è l’unica rilevazione oggi in Italia ad avere questo tipo di modalità.

Da quanto tempo viene effettuata la ricerca?

La prima rilevazione si è svolta nel 2002; da allora viene effettuata annualmente e ciò garantisce la possibilità di seguire lo sviluppo storico delle opinioni dei laureati italiani circa il mondo del lavoro.

Da chi è rappresentato il campione oggetto della rilevazione?

I neolaureati contattati sono coloro che hanno ottenuto il titolo nello stesso anno in cui la ricerca viene effettuata. Il Best Employer of Choice 2017 è basato sulle risposte dei neolaureati nel 2016.

Puoi conoscere tutto sul progetto Best Employer of Choice utilizzando il menu di navigazione a sinistra.

Share This